Utilizziamo i cookies al fine di migliorare l'esperienza dell'utente. Chiudendo questo banner o continuando a navigare nel sito, presti consenso all'uso di tutti i cookies.

 


Weleda Italia

Via del Ticino 6
20153 Milano
Italia


Equinozio d'Autunno: quando il giorno e la notte hanno la stessa durata di 12 intorno al globo terrestre.

Il 22 Settembre la Terra nel suo percorso attorno al sole attraversa il punto d’intersezione tra l’eclittica e l’equatore celeste.

Siamo all'equinozio di autunno, il momento in cui il sole, visto da un ipotetico punto al centro della terra, sorge al polo sud e tramonta al polo nord.

Da qui al solstizio d’inverno l’inclinazione dei raggi solari aumenterà sempre di più. Nell’emisfero boreale le ore di luce e la temperatura diminuiscono.

Fa più freddo non perché il sole sia più distante dalla Terra, ma perché il fascio dei suoi raggi solari, a causa dell’inclinazione, devono “scaldare” una superficie più ampia di suolo rispetto alla stagione estiva.

Prima delle lunghe notti buie e del periodo invernale caratterizzato dalle sfumature di grigio e dall’austerità vegetativa, vi è un’esplosione di colori della natura.

Tipici fiori d’autunno colorano i giardini con una molteplicità di tonalità dal giallino chiaro al viola scuro e sui campi maturano frutti di tanti colori.

Persino le foglie, prima di cadere si tingono di giallo e rosso.

Questo cambiamento di colore è dovuto alla diminuzione della clorofilla nella foglia che si avvicina alla fine del suo ciclo di vita. Con il mancare di questa sostanza dominante e responsabile della colorazione verde, diventa più visibile il giallo-arancione del carotene e di altri pigmenti.

Per l’emisfero boreale l’equinozio d’autunno indica idealmente la conclusione del ciclo produttivo e riproduttivo della vegetazione. I frutti sono ormai maturi e per l’agricoltura è il termine della stagione agricola.

 

Ai tempi degli antichi Romani si celebrava una specie di festa di ringraziamento dei doni ricevuti dalla terra. Questa tradizione è ancora viva in alcune parti del Europa settentrionale (Erntedankfest) e negli Stati Uniti (Thanksgiving Day).

E’ un momento in cui possiamo renderci conto di tutto ciò che la natura ci ha donato, facendone tesoro per superare il periodo di austerità invernale.

La natura si prepara al riposo invernale. Le piante sembrano morire, invece sopravvivono ritirando le loro forze vitali. La pianta concentra quindi la sua entità nelle radici e nei semi e nelle gemme che nella primavera ventura germoglieranno e rinasceranno.

 

Se in Estate, grazie alle giornate lunghe e piene di luce, siamo più propensi a vivere in modo più estroverso, in sintonia con le forze vitali della natura, l’inverno ci induce a rivolgerci verso l’interiore. Questo non significa affatto rintanarsi e andare in letargo come orsi o marmotte, vuol dire invece dedicare tempo ed energia alla crescita interiore, un risveglio interiore polare a cui va incontro la natura.

L’arcangelo Michele e la figura che può guidarci su questo percorso.

Il suo nome Mi-ka-El in ebraico significa: “Chi come Dio”.

Ci accompagna nel risveglio interiore e con il suo aiuto possiamo vincere la nostra natura inferiore ovvero il dragone che nell’iconografia compare ai piedi del santo.

Nell’iconografia Michele porta una spada o una lancia e molto spesso anche una bilancia.

La spada, rappresenta il lucido pensiero, la coscienza che permette di dividere il bene dal male. La lancia ha una valenza simile, in più indica un mirato movimento in avanti nello spazio e nel tempo.

Queste sono gli strumenti che dobbiamo trovare in noi per vincere le forze distruttive.

La bilancia a due bracci è l’immagine simmetrica per eccellenza, simbolo della giustizia, del comportamento retto, essa ci aiuterà a mantenere l’equilibrio tra azioni e obblighi.

 

Che il mantenimento dell’equilibrio sia particolarmente importante in questo periodo ce lo ricorda anche il cielo notturno con la costellazione zodiacale della bilancia percorsa dal sole tra il 31 ottobre e il 23 novembre.

Il movimento di precessione dell'asse terrestre causa un continuo spostamento temporale degli equinozi di circa 50 secondi ogni anno.

Questo spiega perché il periodo dei segni zodiacali non corrisponde più a quello delle costellazioni stellari.

Ai giorni nostri il sole si trova nel segno della bilancia dal 31 Ottobre al 23 Novembre.