Utilizziamo i cookies al fine di migliorare l'esperienza dell'utente. Chiudendo questo banner o continuando a navigare nel sito, presti consenso all'uso di tutti i cookies.

 


Weleda Italia

Via del Ticino 6
20153 Milano
Italia


Arequipa, Peru

Ratania

Ratania, pianta raccolta in modo sostenibile nelle Ande – usata per la cura dei denti

La ratania (Krameria lappacea) è una pianta cespugliosa poco vistosa che cresce nei territori aridi circostanti la città di Arequipa nel Perù meridionale. Il clima rigido della catena andina favorisce la crescita della ratania che con il suo apparato radicale espanso e ramificato protegge dall’erosione il sottile strato di arido terreno montano. Per oltre 50 anni la pianta ha avuto un ruolo importante per i prodotti per la cura dei denti di Weleda ed è oggetto di una raccolta sostenibile in natura.

 

 

All’inizio ci eravamo concentrati sulla possibilità di coltivare la pianta selvatica. Il professore di botanica Fatima Caceres dell’Università di Arequipa e i ricercatori tedeschi prof. Max Weigend e Nicolas Dostert hanno dato il via a un progetto di Partnership Pubblica e Privata (PPP) per indagare se la ratania potesse essere riprodotta e coltivata con successo. La prima fase della ricerca, durata fino al 2006, ha mostrato che la coltivazione della pianta non è possibile per due motivi: vive solo grazie alla simbiosi con piante ospiti dalle quali ricava acqua e sali nutritivi. Ciò significa che per coltivarla bisognerebbe mettere nei campi aperti anche altre specie vegetali, una cosa impossibile da fare in pratica. La biologia tipica della ratania ha costituito il secondo ostacolo: cresce in modo estremamente lento, le occorrono fra i sette e i 15 anni per diventare abbastanza grossa persino per la prima raccolta, rendendo così il lavoro d’impianto e di manutenzione dei campi troppo complesso e impraticabile.

La preoccupazione causata dal mercato globale

Weleda ha dovuto affrontare anche un altro problema. Avendo valore nel mercato delle piante medicinali, la ratania è una pianta a rischio. In totale in tutto il mondo sono utilizzate almeno 70.000 specie vegetali con una raccolta annuale di mezzo milione di tonnellate di piante medicinali. Queste ultime vengono distribuite nei centri economici importanti del mondo seguendo flussi commerciali disordinati e senza un interessante incentivo che induca i protagonisti di questo affare globale a operare con trasparenza, con conseguenze negative per il commercio della ratania come pure di altre specie vegetali.

 

 

Secondo le stime ufficiali il Perù esporta circa 40 tonnellate di ratania all’anno, di cui una tonnellata è destinata al Gruppo Weleda, ma molte delle fonti di fornitura non sono trasparenti. Pertanto nel 2002 Weleda ha deciso di stipulare un contratto di collaborazione su ampia base per avviare un progetto di procacciamento sostenibile collaborando con l’ente per la conservazione ‘INRENA’, scienziati, raccoglitori, commercianti e la tedesca ‘Gesellschaft für Internationale Zusammenarbeit’ (GIZ).  

Un santuario per le piante selvatiche

Grazie a questa collaborazione è stato possibile creare un’area protetta di 2.000 ettari nella regione di Arequipa in cui praticare la raccolta sostenibile di piante selvatiche. Usando tre lotti campione è stato fatto un inventario delle piante allo scopo di investigare a fondo la capacità di rigenerazione naturale e i modelli di crescita annuale della ratania. I risultati di questi studi sono serviti per creare le basi per una strategia di raccolta sostenibile. Inizialmente si era imposto di raccogliere solo alcune parti della radice, ma in seguito i ricercatori e gli acquirenti di piante Weleda hanno progressivamente individuato un metodo molto più semplice: l’area di raccolta è stata suddivisa in cinque settori in ognuno dei quali si poteva raccogliere solo una pianta su cinque con tutte le sue radici. Mentre prelevano le piante i raccoglitori mettono anche dei semi di ratania nella terra smossa per garantire la continuità della rinnovazione. Le analisi e le osservazioni a lungo termine ci mostrano che questa rigenerazione naturale pilotata della popolazione vegetale funziona bene e protegge la pianta per il futuro.

 

Questo progetto al quale Weleda partecipa da ormai quasi 10 anni con i suoi collaboratori tedeschi e peruviani garantisce la sopravvivenza della ratania, così importante per i prodotti per la cura dei denti di Weleda. Nella provincia di Chuquibamba si produce una tonnellata di radici essiccate ogni anno. La ratania viene raccolta secondo criteri collettivi di sostenibilità e viene lavorata in Europa. Ai raccoglitori spetta un compenso equo e concordato che garantisce loro un importante reddito aggiuntivo. Weleda riceve una fornitura trasparente, sostenibile e sicura e l’azienda può usare questa preziosa esperienza per incentivare lo sviluppo di altri progetti di raccolta in natura.

 

Lo sforzo da noi compiuto e il sostegno che riceviamo dai nostri partner non è passato inosservato. Le autorità peruviane per la conservazione dell’ambiente intendono far diventare legge “il metodo di raccolta sostenibile” per tutte le ditte che vogliono esportare la ratania. Ciò significa che solo coloro che praticano una raccolta sostenibile avranno il permesso di esportare la ratania dal Perù. Nel prossimo futuro questa strategia potrebbe essere applicata anche ad altre piante medicinali segnando un importante passo avanti per una biodiversità sostenibile.

Estratto di radici della Krameria triandra

L’Estratto di Radici della Krameria triandra contiene molti tannini che hanno un’azione astringente, ad esempio sulla mucosa orale. Perciò la sostanza marrone scuro estratta dalla radice è un ingrediente particolarmente adatto per i prodotti studiati per la cura dei denti e della bocca.

Ingredient

Krameria Triandra (Estratto di Radice)

Krameria Triandra Root Extract

La robusta radice di questa pianta originaria del Perù contiene tannini condensati catechinici e acidi tanninici. L’estratto dalla radice essiccata dall’ azione astringente e antinfiammatoria è particolarmente apprezzato in prodotti per la cura e l’igiene orale.