Utilizziamo i cookies al fine di migliorare l'esperienza dell'utente. Chiudendo questo banner o continuando a navigare nel sito, presti consenso all'uso di tutti i cookies.

 


Weleda Italia

Via del Ticino 6
20153 Milano
Italia


I Giardini Weleda

I giardini di piante officinali sono sempre stati parte essenziale della cultura Weleda sin dal 1921, anno della sua  fondazione. Oltre a coltivare piante officinali per i nostri prodotti farmaceutici e cosmetici, i giardini sono un ottimo mezzo per far conoscere al pubblico cosa vuol dire concretamente il nostro motto ‘in accordo con uomo e natura’.

La coltivazione di piante officinali ci ha consentito di avere sempre disponibilità di piante fresche ed essiccate, che sono gli ingredienti base dei nostri prodotti medicinali e cosmetici per la cura del corpo. Grazie al metodo di coltivazione biodinamico siamo sicuri che i nostri preziosi materiali non vengono a contatto con pesticidi o altre sostanze tossiche. Ciò che però è importante non è solo quello che escludiamo dai nostri giardini ma anche quello che vi aggiungiamo. La pratica del compostaggio favorisce lo sviluppo della fertilità del suolo; le speciali preparazioni con letame vaccino ed erbe, come il dente di leone e la valeriana, sono un ulteriore aiuto per nutrire il terreno. 

Giardini siti in tutto il mondo

I giardini Weleda sono gestiti come fertili habitat naturali, con siepi e nicchie ospitali per favorire la presenza di insetti e la crescita di una piccola fauna. Queste creature contribuiscono a mantenere l’equilibrio naturale, evitando la diffusione di parassiti e malattie. Anche la biodiversità vegetale, ovviamente, favorisce la stabilità ecologica nonché la continua disponibilità di polline e nettare per gli insetti che abitano i nostri giardini.

 

Sebbene il nostro giardino di piante officinali più grande sia quello della Germania, ne abbiamo anche altri in:

> Inghilterra

> Germania

> Francia/Svizzera

> Olanda

> Brasile

> Argentina

> Nuova Zelanda

Inghilterra

Nei giardini di Ilkeston, nella contea di Derbyshire in Inghilterra centrale, durante i mesi estivi i campi di calendula arancione vivo sono un vero spettacolo per gli occhi.

Il sentiero che attraversa questo giardino Weleda non conduce ad opulente aiuole di fiori bensì a piccoli appezzamenti naturali, poco vistosi e molto semplici ma dal fascino unico.

 

Il giardino è ubicato nella periferia di Ilkeston, una località che durante la rivoluzione industriale ha visto crescere la propria importanza e per molti anni è prosperata grazie all’industria mineraria e alle attività ad essa collegate. L’odierno paesaggio mostra i segni di quella eredità industriale. Piogge abbondanti rendono il terreno umido, una condizione non proprio ideale per coltivare le piante officinali, ma il metodo biodinamico ha reso questo terreno estremamente fertile .

Germania

Il più grande d'Europa

In Germania risiede il più grande giardino di piante officinali di Weleda ed è situato su di un altipiano a nord di Schwäbisch Gmünd. Con i suoi 20 ettari è anche il più grande giardino biodinamico in Europa. Qui la biodiversità è immensa: sono coltivate in modo biodinamico 260 specie vegetali di cui 180 sono utilizzate come ingredienti per la produzione di rimedi e cosmetici naturali. Qui trovano il loro habitat non solo piante come il prugnolo, il nocciolo, il biancospino, ma anche molti animali selvatici, uccelli e invertebrati. L’enorme presenza di fiori attira molti insetti, compresi sirfidi, vespe e coccinelle.

 

Le nostre colture più grandi sono le specie spontanee di piante annuali e perenni. Vi sono comprese 25 diverse specie arboree da cui si raccolgono corteccia, fiori, frutti, radici o anche la pianta intera. Qui le piante officinali trovano migliori condizioni per vivere grazie al nostro speciale trattamento del terreno che comprende nebulizzazioni di preparati naturali e molte cure da parte dei giardinieri. Nella terra fertile, ai margini del Giura Svevo, il giardino pullula di vita da marzo a ottobre e la raccolta inizia già nei primi mesi invernali quando si prelevano le radici della celidonia e dell’angelica.

 

Infinita Biodivesità

Le nostre colture più grandi sono le specie spontanee di piante annuali e perenni. Vi sono 25 diverse specie arboree da cui si raccolgono corteccia, fiori, frutti, radici o anche la pianta intera. Qui le piante officinali trovano migliori condizioni per vivere grazie al nostro speciale trattamento del terreno che comprende nebulizzazioni di preparati naturali e molte cure da parte dei giardinieri. Nella terra fertile, ai margini del Giura Svevo, il giardino pullula di vita da marzo a ottobre e la raccolta inizia già nei primi mesi invernali quando si prelevano le radici della celidonia e dell’angelica.

 

I nostri giardinieri considerano le piante e i giardini in cui esse crescono come un unico e grande organismo vivente. Sono attenti alle complesse relazioni esistenti fra le piante e il tipo di terreno, stimolano la crescita in modo attivo e creativo là dove la natura ha bisogno di essere aiutata: per esempio la felce viene coltivata all’ombra di una galleria di piante di poligono in modo che abbia le medesime condizioni di luce che avrebbe nella foresta, il suo habitat naturale.

Francia e Svizzera

Un piccolo terreno di campagna

Se in uno spazio relativamente ridotto si coltiva una grande quantità di differenti specie di piante officinali, durante il periodo di fioritura si ha un tripudio di colori. Entrambi i giardini Weleda ad Arlesheim, Svizzera, nei pressi di Basilea e in Francia a Bouxwiller, nei pressi di Huningue, sono adiacenti agli uffici e agli stabilimenti di produzione. Il giardino di Bouxwiller è un’isola di biodiversità in mezzo a un mare di terra coltivata in modo tradizionale. L’appezzamento di 0,6 ettari è racchiuso fra siepi di piante spontanee e gli uccelli, gli insetti e gli anfibi si sentono a loro agio in questo rifugio arredato con vasche, muretti di pietra e alberi da frutto. 

 

Nonostante l’area sia relativamente piccola, qui sono coltivate ben 70 piante officinali. Il giardino nella cittadina svizzera di Arlesheim è circondato dalla foresta e da circa 16 ettari di terreno coltivato in modo biologico. La varietà delle piante presenti nel giardino crea un contrasto con i campi di colture biologiche su vasta scala nelle sue immediate vicinanze. Sebbene la città di Basilea sia poco distante si ha l’impressione di trovarsi in un piccolo angolo di campagna. 

Olanda

Il vento spinge verso l’interno l’odore salmastro del Mare del Nord, mentre siepi e arbusti proteggono il giardino dai pungenti venti di costa. Questo giardino olandese, situato dentro una zona industriale, sembra un’oasi e offre un rifugio ideale ad insetti e uccelli, favorendo al tempo stesso la biodiversità. Pur avendo la dimensione di un ettaro, questo terreno è di facile gestione e contiene un’enorme varietà di piante medicinali.

 

Vi si coltivano oltre 200 specie vegetali differenti. Per dare una struttura migliore al terreno si usa del compost fortemente mineralizzato e, per soddisfare le esigenze speciali di alcune piante, si fa ulteriormente variare il terreno da pesante a leggero, da umido a secco, da ricco di elementi nutritivi a povero. Per la coltivazione di alcune piante medicinali tropicali si fa ricorso anche a una serra riscaldata. Qui sono coltivate quasi tutte le piante occorrenti per i prodotti di Weleda.  

Brasile

Terra di origini vulcaniche

Situato a soli 30 minuti di macchina dalla metropoli brasiliana di San Paolo, il giardino di São Roque sembra far parte di un altro mondo. Sulla sua terra rossa prospera in abbondanza una grande varietà naturale.

Il giardino si trova non lontano da Serra do Mar, una regione che vanta una serie di ambienti montani della foresta pluviale lungo la costa sud-orientale del Brasile. 

 

La città di São Roque in passato è stata il principale punto di passaggio verso il Paraguay e la Bolivia, un percorso battuto durante tutto il XX secolo dagli immigrati provenienti da Portogallo, Italia, Giappone e Germania che hanno portato con loro una tradizione speciale e diversificata per coltivare la frutta e la verdura. Ancora oggi São Roque è famosa per il vino e il buon cibo prodotti da piccole fattorie a gestione familiare. Il giardino è stato creato negli anni Ottanta del Novecento su un appezzamento di terreno di origine vulcanica molto fertile. Si affaccia su un piccolo lago, circondato di fattorie e dalla foresta, offrendo un’oasi di pace e di biodiversità per chiunque voglia allontanarsi dall’affollata regione metropolitana. 

Argentina

Nella regione di Cordoba, nel cuore dell’Argentina, a 1200 metri sopra il livello del mare, in un appezzamento circondato da praterie e da folte foreste miste e di conifere, il giardiniere Jorge Giusto coltiva il suo giardino. 

 

Questo giardino Weleda non è stato progettato con aiuole e lotti ben ordinati. Al contrario, piante medicinali come la primula, l’echinacea, il berberis e la felce crescono rigogliosi in modo casuale nel paesaggio spontaneo circostante. Vecchi alberi forniscono ombra durante i caldi mesi estivi e un corso d’acqua si snoda attraverso i 5 ettari di questo lussureggiante giardino. Vi sono coltivate circa 70 specie di piante officinali che, dopo la raccolta, vengono impiegati nelle preparazioni di rimedi dalla farmacia di proprietà di Jorge a Buenos Aires.

Nuova Zelanda

Il giardino di Havelock North è situato ai piedi del Te Mata, nella regione vinicola di Hawkes Bay nella parte nord della Nuova Zelanda.

In quel clima mediterraneo caratterizzato da lunghi e caldi mesi estivi, si coltivano circa 50 specie di piante officinali. Warren Pearce e altri giardinieri neozelandesi lavorano la terra secondo i principi dell’agricoltura biodinamica. La raccolta è per la maggior parte eseguita a mano, evitando l’impiego di attrezzature agricole pesanti, per mantenere il terreno leggero e ben arieggiato. Tre vacche forniscono il letame necessario che usato insieme con un compost adatto migliora la qualità del terreno. Grande è la varietà delle piante, come quella della fauna aviaria, con un’abbondanza di melodiosi uccelli nativi quali il tui, il piccione neozelandese kereru e il buffo pukeko. 

Approvigionamento

Risorse. Circa tre quarti dei nostri ingredienti provengono da agricoltura biologica e/o da raccolta spontanea certificata.

Scopri di più

Produzione

Dagli ingredienti al prodotto. Distillazione, estrazione e dinamizzazione: è solo attraverso un corretto processo di lavorazione che le materie prime naturali, utilizzate per i nostri prodotti, rispondono in modo ottimale ai bisogni di ogni singolo individuo.

Scopri di più