Ita Wegman

Una donna con una visione chiara e sicura su come riformare la terapia medica.

Ita Wegman diede un grande apporto alle finalità di Weleda. Era una persona con una straordinaria energia e determinazione, con un grande talento nel mettere in pratica la teoria, spesso toccò a lei la decisione finale relativa a questioni finanziarie (riusciva sempre a trovare i fondi necessari quando ce n’era bisogno). Fondò la clinica di Arlesheim e l’Istituto Clinico Terapeutico che in seguito si trasformò nella Weleda. Sotto il profilo medico collaborò strettamente con Rudolf Steiner; il suo slancio nel voler fondare la medicina antroposofica e portare avanti le nuove idee per la prassi medica furono indispensabili perché l’azienda potesse svilupparsi con successo.

 

Una vita da pioniere

Ita Wegman (22 febbraio 1876 – 4 marzo 1943) nacque nella parte occidentale di Java, l’odierna Indonesia, figlia primogenita di una famiglia di coloni olandesi. Alla fine del diciannovesimo secolo arrivò in Europa per studiare ginnastica e massaggi terapeutici. Nel 1902, all’età di 26 anni, incontrò Rudolf Steiner per la prima volta; cinque anni più tardi si iscrisse alla scuola medica presso l’Università di Zurigo che di frequente già accettava le donne per lo studio delle discipline mediche.

 

Ottenne un diploma di dottore in medicina nel 1911, con una specializzazione in medicina femminile, e iniziò a lavorare presso uno studio medico già attivo. Nel 1917, dopo avere aperto un proprio studio, sviluppò una terapia contro il cancro che usava un estratto di vischio in conformità con le indicazioni di Steiner. Questo primo farmaco, che chiamò Iscar, in seguito fu trasformato in Iscador ed è diventato un rimedio contro il cancro approvato in Germania e in numerosi altri paesi.

La clinica e casa di cura fondata, tutt'oggi è esistente.

Nel 1920 Ita Wegman acquistò del terreno ad Arlesheim dove l’anno seguente aprì una propria clinica, l’Istituto Clinico Terapeutico (Klinisch-Therapeutisches Institut). Alcuni altri medici entrarono a far parte dell’Istituto che continuò a crescere negli anni successivi diventando il primo centro per la medicina antroposofica.  Poi fondò anche una casa di cura per i bambini con handicap mentali, la Haus Sonnenhof, ad Arlesheim. All’incirca nello stesso periodo fu cofondatrice dei principi della medicina antroposofica e dell’impresa Weleda insieme con Rudolf Steiner e Oskar Schmiedel.

 

Intorno al 1923 Rudolf Steiner chiese a Wegman di fare parte del Consiglio di Amministrazione della Società Antroposofica di recente rinnovata presso il Goetheanum a Dornach, in Svizzera. Diventò anche direttrice della sezione medica del centro di ricerca del Goetheanum. 

Direttore di Weleda per 35 anni

Oskar Schmiedel è ancora oggi un esempio di pioniere farmaceutico. Lui stesso fondò il laboratorio sui principi dell'antroposofia e iniziò la produzione dei cosmetici e dei prodotti farmaceutici.

Oskar Schmiedel

Un metodo di ricerca internazionale

L'antroposofia fu fondata dal filosofo e scienziato Rudolf Steiner, insieme ai suoi colleghi più stretti. I suoi principi possono essere osservati tutti i giorni con Weleda.

Antroposofia

Un uomo con una visione

Il fondatore spirituale e filosofico di Weleda. Grazie a lui si iniziò un processo di ricerca a partire dagli studi antroposofici per trovare rimedi e medicine che aiutassero l'uomo.

Rudolf Steiner