Utilizziamo i cookies al fine di migliorare l'esperienza dell'utente. Chiudendo questo banner o continuando a navigare nel sito, presti consenso all'uso di tutti i cookies.

 


Weleda Italia

Via del Ticino 6
20153 Milano
Italia


Rudolf Steiner

Rudolf Steiner portrait - Weleda

Il fondatore dei principi filosofici e spirituali di Weleda

Rudolf Joseph Lorenz Steiner (25/27 febbraio 1861 – 30 marzo 1925) nacque nell’odierna Croazia ma si trasferì con i genitori in Austria quando era ancora un neonato. Suo padre era un telegrafista delle ferrovie con forti convinzioni proprie e Rudolf ricevette la sua prima istruzione in scuole di paese e a casa.

 

Ricettivo delle idee riguardanti le sfere spirituale e fisica, conseguì un dottorato in filosofia presso l’Università di Rostock, ma già in precedenza aveva fatto molte pubblicazioni su argomenti di letteratura e filosofia (tra i suoi lavori ci sono La filosofia della libertà e La teoria della conoscenza implicita nella concezione del mondo di Goethe).

 

All’inizio del ventesimo secolo fondò un movimento spirituale, l’antroposofia, che ha le sue radici nella teosofia e filosofia idealista tedesca e incoraggia l’individuo a vedere il proprio corpo, la mente e lo spirito come intrinsecamente legati al nostro mondo in quanto facenti parte di un unico sistema olistico.

Dalla filosofia alla scienza e spiritualità

Nella prima fase di questo movimento, maggiormente orientata alla filosofia, Steiner ambiva a trovare una sintesi fra scienza e spiritualità. In quegli anni il suo lavoro filosofico, che egli definì scienza spirituale, cercava di applicare la chiarezza del pensiero caratteristica della filosofia occidentale alle questioni spirituali. In una seconda fase, intorno al 1907, lavorò in svariati ambiti compreso l’ambiente artistico come il teatro e le arti del movimento sviluppando una nuova forma artistica, l’euritmia.

 

Il suo lavoro nell’ambito dell’architettura culminò con la costruzione del Goetheanum, un centro culturale voluto per ospitare tutte le arti. Nella terza fase della sua ricerca Steiner lavorò per definire svariati campi pratici, compresa la scuola Waldorf, l’agricoltura biodinamica e la medicina antroposofica.

Un nuovo approccio alla medicina

Dagli ultimi anni Dieci del Novecento Steiner iniziò a lavorare con medici e chimici per configurare un nuovo approccio alla medicina. Nel 1921 la dottoressa Ita Wegman, il chimico Oskar Schmiedel, alcuni fisici e farmacisti si riunirono sotto la guida di Steiner per individuare come fosse possibile usare questa filosofia per curare i bisogni dei pazienti.

 

Avevano capito che il corpo umano ha una notevole capacità di guarirsi da solo ma talvolta ha anche necessità di un piccolo aiuto per farlo, così svilupparono un approccio terapeutico personale usando ingredienti naturali per sostenere la spinta alla guarigione propria del corpo. Grazie a questa convinzione e a una profonda conoscenza scientifica e filosofica fondarono Weleda.

Influenza positiva di Weleda

Il pensiero totalmente originale di Steiner ha un’importanza fondamentale per Weleda. Sebbene egli non abbia svolto alcuna funzione direttiva ufficiale, insieme con la dott.a Ita Wegman egli faceva parte della cosiddetta Kontrollstelle, un gruppo consultivo che forniva ampio sostegno all’azienda. Ebbe anche l’incarico di dare un nome all’azienda e un logo che disegnò lui stesso. 

 

Soprattutto Rudolf Steiner ebbe massima influenza sui fondamenti intellettuali e spirituali di Weleda. Sua fu la visione di un nuovo processo di guarigione, a partire dagli indispensabili requisiti antropologici fino alla produzione concreta di rimedi e farmaci.

Dalla teoria alla pratica

Una donna con una visione chiara e sicura su come riformare la terapia medica.

Ita Wegmann

Direttore di Weleda per 35 anni

Promotore della produzione di prodotti cosmetici e farmaceutici antroposofici.

Oskar Schmiedel