Weleda sul COVID-19: Una visione diversa

Un'intervista con i membri del Consiglio Direttivo Nataliya Yarmolenko e Aldo Ammendola.

La nostra posizione sul coronavirus, il vaccino COVID-19 e come rimanere in salute durante la pandemia.

Qual è la posizione di Weleda sul COVID-19?

Aldo Ammendola: Rifiutiamo espressamente tutte le affermazioni che negano o disinformano sul COVID-19, così come le relative teorie complottistiche. La nostra azienda è basata sulla scienza e prende i dati relativi alla pandemia di coronavirus molto seriamente. Allo stesso tempo, ci è diventato chiaro che molti problemi, compresa la pandemia di COVID-19, richiedono un approccio differenziato. L'ospedale comunitario antroposofico Havelhöhe di Berlino, che ha anche un'unità di terapia intensiva COVID-19, ci ha reso direttamente consapevoli dei gravi sviluppi di questa malattia. L'ospedale ha anche dimostrato come le terapie standard possono essere integrate, in modo significativo, a livello individuale. Le persone sono individui. Questo è un aspetto che non dobbiamo dimenticare quando si tratta di misure globali.

Nataliya Yarmolenko: Noi rifiutiamo espressamente tutte le attività che operano contro la democrazia o sostengono obiettivi estremisti di destra. Questa è anche la posizione della sezione medica del Goetheanum e dell'IVAA (Federazione Internazionale delle Associazioni Mediche Antroposofiche). Vorremmo però anche una cultura del dialogo che consenta la differenziazione e ascolti i diversi punti di vista scientifici.
 

Qual è la posizione di Weleda sulle vaccinazioni contro il COVID-19?

AA: I vaccini sono una componente importante nella lotta contro le malattie infettive, ed è per questo che siamo fondamentalmente a favore dei vaccini contro il COVID-19. Tuttavia, ci asteniamo dal raccomandare la vaccinazione, anche per i nostri dipendenti. Le persone dovrebbero essere libere di decidere se vogliono essere vaccinate.

NY: Il COVID-19 rappresenta una grande sfida per l'umanità. I vaccini stanno aiutando a gestire questa sfida, e in Weleda siamo molto grati del fatto che siano ora disponibili una varietà di vaccini. Ma la Sars-CoV-2 non sarà l'ultima pandemia che dovremo affrontare. L'allevamento in fabbrica, l'espansione umana in aree naturali precedentemente incontaminate e la continua perdita di biodiversità permetteranno ad altri patogeni di diffondersi nell'uomo. È da qui che noi, come società, dovremmo iniziare, per rafforzare la resilienza a lungo termine degli ecosistemi e degli esseri umani che dipendono da essi. Weleda sta lavorando per fare questo, per esempio, attraverso un'estrazione sostenibile delle materie prime e progetti di coltivazione organica e biodinamica.

Come possiamo sostenere il nostro sistema immunitario per superare una pandemia restando in buona salute?

NY: Molte cose possono contribuire ad uno stile di vita sano: molto esercizio fisico, preferibilmente all'aria aperta e alla luce del sole, dormire a sufficienza, una dieta sana e prendersi del tempo per mangiare, invece di consumare i pasti di fretta. Diversi prodotti della gamma Weleda possono essere un valido sostegno per il sistema immunitario, come quelli a base di olivello spinoso. Gli studi di psiconeuroimmunologia hanno dimostrato che sia la nostra condizione mentale che fisica dipendono da come viviamo, lavoriamo e se ci trattiamo con rispetto. Tutti questi aspetti modellano anche la nostra cultura aziendale in Weleda, e sono importanti per noi nel mantenere e promuovere la salute dei nostri dipendenti.

AA: Ad oggi, non esiste un farmaco approvato per il trattamento della COVID-19. Molti approcci sono in fase di sviluppo, ma il settore pubblico non è riuscito a fornire finanziamenti su una scala simile a quella dello sviluppo dei vaccini. Molte aziende devono quindi finanziare questo lavoro da sole. Anche Weleda, nei prossimi anni, investirà milioni di euro in vari progetti di ricerca e sviluppo farmaceutico.

Nataliya Yarmolenko è medico e, come membro del Consiglio Direttivo, responsabile della Market Division. Aldo Ammendola è microbiologo e biologo molecorare e, come membro del Consiglio Direttivo, è responsabile della Ricerca e Sviluppo.