Natura

Come possiamo proteggere il clima

Diventare neutrali per il clima, un passo alla volta

Cosa significa il termine " clima neutrale"? Come può un prodotto avere un impatto zero sul clima? Come si calcola l'impronta di CO₂ di un'azienda? Cosa posso fare per migliorare la mia impronta di CO₂? Scopri qui le risposte a queste domande.

Clima neutrale - cosa significa?

La neutralità climatica può essere pensata come un equilibrio. L'emissione di gas serra come l'anidride carbonica o il metano (chiamati anche emissioni di gas serra), deve corrispondere all'assorbimento di questi gas dall'atmosfera nei cosiddetti pozzi di carbonio. Per raggiungere l'obiettivo delle emissioni nette zero, tutte le emissioni dannose per il clima devono essere compensate dalla rimozione della stessa quantità di gas serra dall'aria.

 

La neutralità climatica può essere calcolata, non misurata

Il termine " climaticamente neutro " si riferisce essenzialmente a una cifra matematica. In effetti, ci sono pochi prodotti o servizi che sono al 100% neutri per il clima. Anche le mele coltivate a livello regionale potrebbero essere state raccolte da una macchina per la raccolta, imballate e poi trasportate al mercato con un trattore. Tutti questi fattori si sommano.

In questo senso, neutro per il clima significa che per un prodotto o un servizio, o non viene prodotto alcun gas serra in termini puramente matematici o viene assorbita dall'atmosfera esattamente la stessa quantità di gas serra che viene emessa.

In altre parole, il trasporto delle mele è a debito, mentre l'assorbimento di CO₂ dall'aria da parte del melo è a credito. La linea di fondo dovrebbe essere uno zero. Un business o uno stile di vita climaticamente neutro significa che le nostre emissioni che hanno un impatto sul clima non aumentano come risultato delle nostre azioni. Ma non significa necessariamente che diminuiscano.

 

Come possono prodotti o servizi essere climaticamente neutri?

Molte aziende offrono prodotti o servizi a impatto zero sul clima. Con alcuni, come la frutta o i mobili, questo è facile da capire. Ma anche i viaggi aerei vengono pubblicizzati come clima-neutrali, nonostante le emissioni nocive che vengono rilasciate dalla combustione del cherosene utilizzato per alimentare gli aerei. Perché un volo sia climaticamente neutro, una compagnia aerea deve compensare la stessa quantità di gas serra che si disperde nell'aria durante la combustione del carburante.

Noi di Weleda non vogliamo perseguire questo approccio di semplice compensazione del nostro impatto sul clima. Piuttosto, stiamo cambiando le nostre pratiche commerciali al fine di migliorarle.

 

Cosa sono i pozzi di carbonio?

Nel processo globale del ciclo del carbonio, i pozzi di assorbimento del carbonio sono particolarmente importanti. Si tratta di serbatoi naturali che possono assorbire e immagazzinare il carbonio. I suoli, le foreste e gli oceani sono i maggiori mezzi di stoccaggio naturale del carbonio sulla terra. Finora, non ci sono mezzi artificiali per assorbire quantità significative di emissioni di CO₂ dall'atmosfera.

Gestire in modo biologico giardini e terreni agricoli in tutto il mondo è uno dei modi in cui Weleda sta aiutando a preservare i pozzi di assorbimento di CO₂. È stato dimostrato che i terreni gestiti in modo biologico immagazzinano più carbonio dei terreni gestiti in modo convenzionale. Incoraggiamo anche i nostri partner di coltivazione in tutto il mondo a convertirsi alle pratiche di agricoltura biologica. E sosteniamo attivamente progetti come la Borneo Orangutan Survival Foundation (BOSF), che lavora insieme alla popolazione indonesiana per proteggere gli oranghi in pericolo e preservare il loro habitat, nonché per riforestare e irrigare la foresta tropicale.

 

Quanto sono neutrale per il clima?

Vivere una vita a impatto zero sul clima non è facile. Perché non si tratta solo di riscaldamento, prendere l'aereo e guidare. Internet offre molti calcolatori di emissioni di CO₂ per stimare la propria impronta climatica personale, e tante valide idee su come ridurre le proprie emissioni di CO₂ nella vita di tutti i giorni. Cosa dovrei mangiare? Quanta carne dovrei consumare? Quale fornitore di servizi dovrei scegliere? Invece dell'auto, posso viaggiare a piedi, in bicicletta o in treno? Le persone possono fare molto cambiando le abitudini di consumo e adottando nuovi accorgimenti. Si possono anche sostenere iniziative per la protezione del clima, e ce ne sono molte. Queste differiscono principalmente nella qualità dei progetti utilizzati per compensare o ridurre le emissioni di gas serra. Anche i prezzi per compensare una tonnellata di CO₂ variano di conseguenza. Ciò è dovuto in parte al tipo di progetti sostenuti e al paese in cui si trovano. Le migliori certificazioni assicurano che le misure non solo giovano al clima, ma anche alla popolazione locale. Un marchio di qualità riconosciuto, per esempio, è il cosiddetto Gold Standard.

 

324000
g di CO₂ equivalenti sono causati in media per passeggero durante un volo a corto raggio di circa 500 chilometri
12300
g di CO₂ equivalenti sono causati in media da 1 chilo di carne bovina. Questo tipo di carne ha il maggiore impatto sul clima.
1700
g CO₂ equivalenti sono prodotti in media per fare 1 chilo di tofu. Quindi mangiare tofu fa risparmiare molto rispetto a mangiare carne rossa.

Cosa sono i CO2 equivalenti?  

L'impatto che i gas serra (come il metano) hanno sul clima è espresso in termini di CO2 equivalenti (CO2e).

 

 

L'impronta climatica di un'azienda

Un'azienda che realizza prodotti deve acquistare materie prime, lavorarle, poi imballare e trasportare il prodotto finito nei negozi. Tutto questo richiede energia, risorse e servizi.

Quando si calcola l'impronta climatica di un'azienda, le emissioni sono classificate in tre " scopi":

  • Scopo1: Emissioni dirette.
    Queste sono le emissioni di CO₂ causate dall'azienda stessa, per esempio nei processi termici, attraverso il riscaldamento o la guida di un'auto aziendale.
  • Scopo 2: Emissioni indirette.
    Queste emissioni includono l'energia acquistata come l'elettricità e il riscaldamento. Sono utilizzate dall'azienda ma sono generate al di fuori di essa, per esempio in una centrale elettrica. Le emissioni dello Scopo 1 e Scopo 2 comprendono circa l'1% delle emissioni di Weleda.
  • Scopo 3: Altre emissioni indirette.
    Queste si verificano nella catena di valori dell'azienda, durante la produzione e la vendita di un prodotto. Includono le emissioni derivanti dalla coltivazione e dalla fornitura di materie prime, dall'imballaggio, dalla distribuzione o dallo smaltimento dei rifiuti. Includono anche i viaggi d'affari e le emissioni da investimenti finanziari, pagamenti di stipendi, traffico di pendolari e tasse. Le emissioni dello Scopo 3 sono un'ampia categoria di impatti GHG che un'azienda non sempre influenza direttamente. Lo Scopo 3 comprende circa il 99% delle emissioni di Weleda.

Cos'è un'azienda climaticamente neutrale?

Il termine "azienda climaticamente neutrale" non è legalmente riconosciuto. Tuttavia, una norma internazionale è attualmente in fase di sviluppo: ISO 14068 "Gestione dei gas a effetto serra e attività correlate - La neutralità del carbonio". Questo standard fornirà una definizione chiara e comune del termine "neutralità climatica" al fine di garantire la trasparenza e l'imparzialità nella valutazione delle prestazioni climatiche.

Le aziende spesso si descrivono come CO₂ neutrali o climaticamente neutrali se non causano emissioni dannose per il clima, o se compensano i gas serra (GHG) che producono. Questi si basano solitamente sulle emissioni dello "Scopo 1" e "Scopo 2" delle operazioni dirette dell'azienda. Uno dei modi in cui le aziende possono ridurre queste emissioni è la conservazione dell'energia e il passaggio a fonti di energia a basso contenuto di carbonio. Le emissioni Scopo 3, che si concentrano sulla catena del valore dell'azienda, non devono necessariamente essere compensate completamente per essere considerate climaticamente neutrali. Quest'area è definita in modo molto ampio, e operare in modo neutrale per il clima è un obiettivo molto ambizioso. È bene controllare in quali aree un'azienda dichiara di essere neutrale per il clima e se fornisce informazioni trasparenti e verificabili sulla sua strategia climatica.

Weleda contabilizza le emissioni di gas serra secondo lo standard aziendale delineato dal Greenhouse Gas Protocol, un'iniziativa internazionale. Per saperne di più: www.ghgprotocol.org

 

Quando Weleda fu fondata nel 1921, il cambiamento climatico non era ancora un problema - ma lo era una gestione consapevole in armonia con la natura. Oggi possiamo unire le due cose: un'economia positiva per il clima e il nostro impegno per la biodiversità e la salute del suolo.
Dr. Stefan Siemer, Weleda Gruppo, Responsabile della Sostenibilità Aziendale

Weleda sarà aritmeticamente neutrale per il clima per gli Scopi 1 e 2 a partire dal 2021

Il nostro mondo è cambiato da quando Weleda è stata fondata nel 1921. Ci troviamo di fronte a grandi sfide: cambiamento climatico, diminuzione della biodiversità e delle risorse, grandi quantità di rifiuti ed elevate emissioni di gas serra. Come i nostri fondatori, anche noi oggi vogliamo essere pionieri. Sostenibilità, biodiversità, salute del suolo e protezione del clima sono radicati nei nostri obiettivi aziendali.

Nel 2021, Weleda diventerà climaticamente neutrale in termini di impronta energetica per Scopo 1 e 2. Raggiungeremo questo obiettivo attraverso un'ampia varietà di misure. Ciò include l'utilizzo del 100% di energia rinnovabile nei nostri edifici presso la sede centrale di Weleda in Svizzera dal giugno 2021, anche per i processi di produzione ad alta intensità energetica: elettricità verde, il calore da cippato per il riscaldamento, la generazione della nostra stessa elettricità attraverso il fotovoltaico, l'energia geotermica per il riscaldamento e il raffreddamento, e il biogas nella produzione.

L'impronta climatica legata all'energia di tutte le filiali Weleda è di circa 10.000 tonnellate metriche di CO₂ equivalente all'anno. Questo valore risponde allo Scope 1 e allo Scope 2 secondo il Greenhouse Gas Protocol.

Stiamo anche lavorando per migliorare ulteriormente lo Scope 3. Per esempio, abbiamo continuamente aumentato la percentuale di materiali riciclati nelle nostre confezioni e ridotto il peso di molte confezioni rinunciando all'imballaggio esterno o agli inserti. Anche i dipendenti Weleda contribuiscono personalmente a questi sforzi. Nel 2020, hanno pedalato e camminato per 107.386 chilometri nel nostro programma "Bike to Weleda".

A partire dal 2022 i prodotti Weleda saranno neutrali per il clima

La parte della nostra impronta climatica legata al prodotto, chiamata anche impronta di carbonio del prodotto (PCF), per l'intero Gruppo Weleda è di circa 100.000 tonnellate metriche di CO₂ equivalente all'anno (compresa l'energia). Oltre all'impronta climatica della nostra azienda, questa include anche le emissioni derivanti dall'imballaggio, dalle materie prime, dai materiali pubblicitari e dal trasporto delle merci. Vogliamo dare ai nostri clienti l'opportunità di proteggere attivamente il clima attraverso l'acquisto dei prodotti Weleda. Ecco perché tutti i prodotti Weleda saranno aritmeticamente neutrali per il clima a partire dal 2022. Per raggiungere questo obiettivo, dobbiamo ridurre circa 100.000 tonnellate di CO₂ equivalente ogni anno, laddove possibile, oltre a compensare ciò su cui non possiamo intervenire. Lo stiamo facendo migliorando la nostra efficienza, usando energia rinnovabile e, soprattutto, attraverso iniziative e progetti per ridurre le emissioni nelle nostre catene di approvvigionamento. Più miglioriamo noi e i nostri partner, più il clima migliora.

1% del fatturato annuale di Weleda per l'ambiente

Sappiamo che quando si tratta di clima, la nostra responsabilità non si ferma davanti alla porta dello stabilimento o ai nostri prodotti. Se vogliamo cambiare significativamente le cose, dobbiamo fare di più per proteggere il clima per i nostri consumatori, per i nostri dipendenti e per le nostre finanze. Entro il 2025, puntiamo a ridurre e compensare la nostra impronta climatica complessiva di 350.000 tonnellate di CO₂. A tal fine, a partire dal 2022, Weleda AG investirà un ulteriore 1% del suo fatturato globale annuale nella protezione del clima, nella conservazione della biodiversità e nella fertilità del suolo.