Natura

Profilo Botanico: Rosmarino

Il rosmarino è noto per le sue proprietà riscaldanti. La pianta prospera spesso in condizioni climatiche estreme dove è esposta alla luce e al calore. Il suo nome deriva dal latino "ros marinus" e significa "rugiada del mare".

Diffusione

Il rosmarino (Rosmarinus officinalis) è originario della regione mediterranea e appartiene alla famiglia delle Lamiaceae (menta), nota per le sue proprietà riscaldanti. L'arbusto sempreverde e ramificato può crescere fino a due metri di altezza. Il rosmarino spesso prospera in condizioni climatiche estreme, esposto alla luce e al calore. Lo si può incontrare nelle scogliere rocciose, spesso in riva al mare. Il suo nome deriva dal latino "ros marinus" e significa "rugiada del mare", ad indicare il suo habitat naturale lungo la costa mediterranea e la rugiada che si raccoglie nei suoi fiori durante la notte.

 

Foglie e steli

I fusti spigolosi e legnosi sono densamente ricoperti da foglie strette e aghiformi. Le foglie, ricurve verso il basso, sono di colore verde brillante in cima e coperte di peli sottili sotto.

Fiori

I fiori del rosmarino possono essere di colore azzurro, viola chiaro, bianco o rosato. I fiori appaiono nell'estremità superiori della pianta a gruppi di due o più. La loro forma, che assomiglia al labbro superiore e inferiore di una bocca, è tipica delle altre piante della famiglia della menta, chiamata anche Labiatae, che significa "con le labbra". I fiori hanno lunghi stami sporgenti.

 

Utilizzo

Il rosmarino è spesso coltivato come erba aromatica, per uso culinario. È anche conosciuto per il suo olio essenziale profumato, che è considerato energizzante e rinvigorente, stimolando i sensi e la circolazione del sangue con un effetto tonificante. I preparati con l'olio essenziale di rosmarino sono usati esternamente per fare, ad esempio, delle frizioni o come essenze da bagno. L'olio di rosmarino è anche usato come ingrediente di oli per il corpo, unguenti e creme per la pelle.