Famiglia

Perché i Bambini Dormono in modo Diverso

I neonati vengono al mondo vulnerabili, dipendenti e fisiologicamente non sviluppati. Hanno bisogno del nostro amorevole sostegno mentre il loro sistema nervoso impara gradualmente a riposare correttamente.

Il bambino può impiegare fino a dieci mesi per avere un ritmo sonno-veglia stabile e fino a due o tre anni per addormentarsi e dormire tutta la notte da solo. I bambini hanno cicli di sonno brevi e sonno leggero; si svegliano spesso e facilmente. Questo è perfettamente normale: nei primi due anni di vita il cervello del bambino si sviluppa rapidamente, e questo è uno dei motivi per cui una corretta alimentazione è così importante. Inoltre, i neonati perdono rapidamente calore corporeo e a volte dimenticano di respirare nella culla. Il loro desiderio di stare vicino ai genitori è un istinto primordiale e un meccanismo di sicurezza che rimane importante ancora oggi. I neonati non sanno di trovarsi in un appartamento sicuro di tre stanze, ad esempio, dove non ci sono animali selvatici che potrebbero mangiarli di notte. Questo spiega perché spesso i bambini si addormentano solo se tenuti in braccio, allattati o portati in una fascia o in un marsupio. Può essere faticoso, ma ne vale la pena. Più i bambini si rendono conto di essere al sicuro, più imparano ad accogliere il sonno e la notte come un amico.

Dormire nel lettone e allattare per ottenere un ritmo di sonno simile

Secondo l'Unicef, i bambini allattati al seno possono e devono dormire con la mamma. Questo facilita l'allattamento al seno frequente, che ha dimostrato di ridurre il rischio di morte improvvisa del lattante (SIDS) o di morte in culla. Inoltre, permette a mamma e bambino di avere un ritmo di sonno simile, in modo da dormire profondamente insieme e poi entrare in una fase di sonno più leggero quando il bambino ha bisogno di essere allattato. Anche la prolattina, l'ormone responsabile del latte materno, aiuta la madre che allatta a dormire meglio e a sentirsi più riposata al risveglio e non affaticata dal sonno. Anche i bambini non allattati al seno dovrebbero dormire con i genitori, ma nel proprio lettino o in una culla. Per garantire che il vostro bambino dorma in modo sicuro, considerate i seguenti consigli.

Checklist: Assicurarsi che il bambino dorma in modo sicuro

  • Il bambino dovrebbe dormire su un materasso morbido e stabile, senza cuscini morbidi o coperte spesse che potrebbero causare soffocamento o surriscaldamento.
  • Assicuratevi che non ci siano spazi vuoti nella struttura del letto in cui il bambino possa rimanere intrappolato.
  • Il bambino non deve dividere il letto con altri bambini, animali domestici o giocattoli morbidi.
  • Coprite il vostro bambino con un sacco a pelo di dimensioni adeguate, invece che con una coperta larga.
  • La posizione più sicura per il sonno del bambino è quella supina, finché non è in grado di girarsi da solo.
  • Non condividete il letto con il vostro bambino se avete consumato alcol o droghe.
  • I bambini allattati al seno dovrebbero dormire direttamente accanto alla madre; i bambini allattati con il biberon dovrebbero dormire su una superficie separata vicino al letto della madre.
  • Non dormire mai con il bambino su un divano o una poltrona per non rischiare di farlo cadere o di soffocarlo.

Come aiutare il bambino a "scendere" nel sonno

Immaginate di cercare di far atterrare un aereo di linea. Per prima cosa, bisogna ridurre l'altitudine di navigazione e la velocità di avvicinamento. Poi bisogna guidare l'aereo nella sua discesa e dirigerlo verso la pista di atterraggio. Poco sopra la pista, bisogna appoggiare delicatamente l'aereo a terra, frenare e lasciarlo rotolare nel silenzio.

Lo stesso vale per i nostri piccoli avventurieri. Portarli con sé per un breve giro di shopping o tornare a casa dal lavoro poco prima di andare a letto sono stimoli che possono indurre i bambini ad accelerare fino alla "velocità di punta", interrompendo la loro routine di addormentamento. Mentre i bambini più tranquilli possono già dormire serenamente alle 19.30, altri ritornano in "piena quota" e devono essere guidati nuovamente attraverso l'intera "discesa".

Rituali serali per aiutare il bambino ad addormentarsi

Alle 4 del pomeriggio molti bambini sono già stanchi per la giornata, soprattutto se hanno frequentato l'asilo nido. È a questo punto che bisogna iniziare la "discesa" verso il sonno serale. Cercate di stabilire un rituale serale rilassante con il vostro bambino verso le 16.00 o le 17.00. Niente di speciale: un bagno caldo o un massaggio al bambino, oppure una cena tranquilla a lume di candela invece che con la luce abbagliante della cucina. Seguono il cambio del pannolino, il pigiama e il sacco a pelo, se necessario. Poi si va a letto. Andare a letto presto non fa male, per poter allattare comodamente, coccolare e parlare con il piccolo, magari cantandogli una ninna nanna. Siate attenti e il vostro bambino o la vostra bambina vi "racconteranno" la loro giornata. Alcuni bambini urlano per addormentarsi: in questo caso, controllate se vogliono ancora essere allattati, tenuti in braccio o se hanno il pannolino bagnato. Se tutto sembra a posto, è possibile che il vostro piccolo abbia avuto una giornata emozionante e stia ancora elaborando tutte le nuove impressioni o sia troppo stanco. Come genitori, ciò che possiamo fare per aiutare il nostro bambino è semplicemente stargli vicino: tenerlo amorevolmente in braccio, respirare con calma e ascoltarlo, permettendogli di potersi esprimere. Questo aiuta il bambino ad addormentarsi serenamente, in modo che possa crescere, imparare e ricaricare le "batterie" per il giorno successivo.

Autore

Nicola Schmidt

Giornalista scientifica e autrice di diversi libri per genitori

È convinta che i bambini sappiano naturalmente come riposare bene. Con il suo progetto tedesco " natura giusta" Nicola spiega ai genitori come i bambini si sviluppano per natura sani mentalmente e fisicamente. www.artgerecht-projekt.de