Sensi

Come funzionano i profumi

L'odore dei fiori può essere incantevole, ma anche calmante e terapeutico. Come gli esseri umani, anche le piante possono percepire gli odori. Possono sentire quando i loro frutti sono maturi o quando ci sono animali affamati nelle vicinanze.

Il fresco profumo della lavanda, la nota delicata della rosa: un piacevole profumo delizia i sensi. L'effetto degli oli essenziali è particolarmente intenso. Un olio essenziale, estratto dai fiori, contiene fino a 400 sostanze chimiche volatili che stimolano il nostro olfatto e, attraverso le cellule olfattive del naso, inviano un segnale al cervello, dove il profumo viene valutato. Il nostro sistema nervoso reagisce rilasciando sostanze messaggere che agiscono sulla nostra psiche e sul nostro sistema endocrino e immunitario.

La frutta profuma quando è matura 

Anche senza le odierne spiegazioni scientifiche, gli uomini dell'antichità avevano notato che le piante reagiscono agli odori. In Egitto, si sapeva che l'odore dei fichi tagliati poteva far maturare i frutti di un albero intero. In Cina, si bruciava incenso per rendere commestibili le pere dure. Oggi capiamo il perché: l'etilene, un gas odoroso che si trova nel fumo ma che viene prodotto anche da ogni pianta, invia un segnale che avvia il processo di maturazione. Mentre gli esseri umani annusano solo con il naso, le piante lo fanno con tutto il loro organismo. Tutte le cellule delle piante, sia nelle radici che nelle foglie, hanno recettori olfattivi.

Gli alberi si avvertono a vicenda

"Tutti gli odori prodotti dalle piante - per esempio quelli del rosmarino, del basilico o della liquirizia - equivalgono a messaggi precisi: sono le 'parole' delle piante, il loro lessico! Milioni di composti chimici diversi funzionano come segni in un vero e proprio linguaggio delle piante, di cui sappiamo molto poco", spiega il neurologo delle piante Stefano Mancuso. Egli ha paragonato il complesso linguaggio delle piante ai geroglifici egiziani, decifrati solo dopo infiniti tentativi. Tuttavia, è più facile osservare come funziona il linguaggio delle piante: gli alberi, i cui rami e radici non si toccano tra loro, possono comunicare attraverso gli odori diffusi nell'aria, ad esempio per segnalare i predatori. Per esempio, l'acacia africana, quando viene rosicchiata dalle giraffe, emette un gas che avverte gli alberi vicini del pericolo. In pochi minuti gli altri alberi accumulano tossine nelle loro foglie, rendendole immangiabili per le giraffe.

Gli odori attivano i ricordi

I profumi sono anche un linguaggio per gli esseri umani: li aiuta a immagazzinare i loro ricordi. L'erba appena tagliata, la cottura dei biscotti di Natale o un certo profumo: gli odori possono essere una chiave per il passato. Se un certo odore raggiunge il nostro naso, tutto torna in un lampo, anche dopo decenni. I neuroscienziati suppongono che questo sia dovuto al percorso che le informazioni olfattive fanno attraverso il nostro cervello - direttamente dal naso all'ippocampo, il "centro di controllo della memoria" del nostro cervello.

Fonti
Daniel Chamovitz: What a Plant Knows: A Field Guide to the Senses. New York: Scientific American / Farrar, Strauss and Giroux: 2012

Stefano Mancuso, Alessandra Viola: Brilliant Green: The Surprising History and Science of Plant Intelligence, Washington, DC: Island Press, 2015

Kathrin Meyer und Judith Elisabeth Weiss (Hrsg. für das Deutsche Hygiene-Museum Dresden): „Von Pflanzen und Menschen“, Wallstein, 2019
Eva Heuberger, Iris Stappen, Regula Rudolf von der Rohr: „Richen und Fühlen. Wie Geruchssinn, Ängste und Depressionen zusammenspielen“, fischer & gann, 2017

www.pflanzenforschung.de/de/themen/lexikon/ethylen-ethen-10096
www.pflanzenforschung.de/index.php?cID=5681
www.ds.mpg.de/2495238/Gerueche_und_Erinnerungen