Benessere

Proteggere i Nostri Occhi

Qual'è il limite di tempo da passare davanti ad uno schermo? È un tema ben noto oggi a tutti i genitori e a chi si prende cura dei bambini. Siamo tutti troppo legati all' uso che facciamo di smartphone, tablet e altri dispositivi digitali.

Molti genitori si chiedono: "È sicuro lasciare che il mio bambino o ragazzo giochi con il mio smartphone? I bambini e gli adolescenti, in particolare, hanno bisogno del nostro aiuto per un uso responsabile dei dispositivi digitali e un uso " smart " del loro smartphone. I genitori sono spesso sorpresi quando scoprono quante ore i loro figli passano online. Eppure è risaputo che l'uso diffuso e frequente dei contenuti digitali è in costante crescita. Anche i nostri bambini più piccoli vogliono giocare con i cellulari, affascinati dalle loro immagini in movimento. Allo stesso tempo, molti di noi passano sempre meno tempo all'aperto, diminuendo così la nostra esposizione alla luce del sole.

Fare una pausa dal monitor ad ogni ora

I problemi agli occhi e alla vista, sempre più comuni sul posto di lavoro, sono spesso chiamati "sindrome da visione al computer" o "stress degli occhi digitali". Molti di noi guardano lo schermo di un computer per ore e ore. Questo porta all'affaticamento degli occhi, alla secchezza oculare e alla visione offuscata. E quando finalmente usciamo, i nostri occhi sono soggetti a lacrimazione inaspettata ed eccessiva.

Gli schermi piccoli di tablet e smartphone: usiamo i nostri smartphone tutto il giorno, durante e dopo ore di lavoro al computer. I caratteri, le immagini e i simboli sui dispositivi digitali portatili sono molto piccoli in confronto a quelli dei monitor fissi. Il frequente e rapido scrolling, l'uso del tap e lo scorrimento di queste immagini peggiorano ulteriormente i sintomi della sindrome da visione al computer. Il tempo complessivo che noi esseri umani passiamo a guardare gli schermi è sempre maggiore.

I medici ci mettono in guardia dall' eccessivo tempo trascorso davanti allo schermo e dalla mancanza di esposizione alla luce del giorno: effetti negativi sono stati identificati con l'uso prolungato e quotidiano dei media elettronici, in particolare durante la giovane età.

Aumento della miopia, soprattutto nei paesi più industrializzati: fattori ambientali e cambiamenti nel comportamento umano sono stati identificati come la causa dell'aumento della miopia per esempio. Molti bambini e adolescenti non trascorrono più il loro tempo libero all'aperto, al sole, ma davanti a PC, smartphone e tablet, a partire dalle prime ore del giorno.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che la crescente incidenza della miopia è un problema di salute globale

Mentre prima la miopia era considerata un semplice difetto, oggi è riconosciuta come un disturbo dell'occhio che può portare a una riduzione della vista.

La miopia si sviluppa tipicamente durante l'infanzia e l'adolescenza, perché l'occhio si sviluppa solo in questa fase della vita. Le cause della miopia, che si verifica quando il bulbo oculare è troppo lungo o se la cornea è troppo curva, sono state a lungo un mistero. Per molti anni, gli scienziati potevano solo dimostrare la connessione tra predisposizioni ereditarie e fattori ambientali. Hanno inoltre osservato che i casi di miopia erano più frequenti nelle persone con un livello d'istruzione più alto della media. Questo indica la possibilità che la messa a fuoco prolungata su oggetti ravvicinati come i libri possa anche causare la miopia.

La mancanza di luce è tra i sospetti

Non ci sono ancora dati sufficienti che provino che l'uso prolungato degli smartphone sia dannoso per i nostri occhi. Tuttavia, gli oftalmologi credono che ci sia una correlazione tra l'uso crescente di smartphone e computer e l'impatto negativo sui nostri occhi. L'esposizione alla luce naturale del giorno è considerata un importante fattore di prevenzione contro la miopia.

Cosa posso fare per proteggere gli occhi di mio figlio?

Secondo una nota della Società oftalmologica tedesca (DOG) del settembre 2018, l'uso di PC, smartphone o tablet non è assolutamente idoneo per i bambini di età inferiore ai 3 anni. Per i bambini dai 4 ai 6 anni, è tollerabile un tempo massimo trascorso davanti allo schermo di 30 minuti al giorno. Smartphone e tablet non dovrebbero essere usati come "babysitter". Se i bambini li usano, è meglio che lo facciano insieme a chi si prende cura di loro. I device digitali non dovrebbero sostituire il leggere o guardare insieme libri illustrati. I bambini in età prescolare dovrebbero avere l'opportunità di esplorare la vita reale prima di passare agli schermi. E quando lo fanno, si dovrebbe mantenere una distanza minima di 30 cm tra gli occhi e lo smartphone durante l'uso.

La Società tedesca di oftalmologia (DOG) consiglia inoltre di limitare la visione dei media digitali a un'ora al giorno per i bambini in età di scuola primaria. A partire dai 10 anni si raccomanda di non superare le due ore al giorno di schermo. I bambini più piccoli in età prescolare e quelli in età da scuola primaria tendono a usare i dispositivi digitali dei loro genitori o di chi si prende cura di loro; i bambini più grandi e gli adolescenti invece sono abituati ad avere i propri dispostivi digitali. In ogni caso, è necessario stabilire delle regole chiare sul loro utilizzo, ad esempio limitando e monitorando il tempo trascorso sullo schermo con l'aiuto di un'app. E una o due ore prima di andare a letto, i supporti elettronici non dovrebbero essere usati affatto.

Consigli per le famiglie sui dispositivi digital:

  • Tieni sotto controllo il tempo trascorso sullo schermo da te e dai tuoi figli.
     
  • I bambini al di sotto dei tre anni non dovrebbero assolutamente usare i dispositivi elettronici.
     
  • I device digitali dovrebbero essere mantenuti ad almeno 30-40 cm di distanza dagli occhi.
     
  • Fai una pausa dopo ogni ora di utilizzo dello schermo.
     
  • Guarda in lontananza ogni dieci minuti durante le sessioni più lunghe.
     
  • Utilizza schermi più grandi quando lavori con documenti particolarmente lunghi.
     
  • Tieni gli occhi in movimento il più possibile; cerca di non fissare lo schermo del computer.
     
  • Sbatti le palpebre frequentemente per idratare gli occhi.
     
  • Per rilassare il nervo ottico, guarda in lontananza.
     
  • I bambini e gli adolescenti in particolare dovrebbero passare più tempo all'aperto alla luce del giorno - almeno due ore al giorno, se possibile.

Fonti: