Sensi

Scopri i nuove sette sensi dentro di te

Il caffè appena macinato, la nostra canzone preferita alla radio o un comodo asciugamano da bagno: vediamo, sentiamo, annusiamo, tocchiamo e assaggiamo. Ma ci sono ancora altri sensi oltre a questi famosi cinque.

Tutto ciò che vediamo e percepiamo, lo sperimentiamo attraverso i nostri sensi. Nella vita quotidiana, spesso diamo per scontate le nostre percezioni sensoriali, eppure è solo attraverso queste che prendiamo parte alla vita - con altri sensi oltre ai cinque comunemente conosciuti. Lo scienziato e filosofo Rudolf Steiner, fondatore di Weleda, si occupò intensamente della capacità umana di sentire. Sviluppò un modello di dodici sensi, integrando i classici cinque - tatto, vista, udito, olfatto e gusto - con altri sette sensi. Questi sette nuovi sensi sono il calore, l'equilibrio, il movimento, il linguaggio, il pensiero, la vita e il sé. I dodici sensi furono assegnati a tre gruppi: i sensi del mondo esterno, i sensi del corpo e i sensi sociali.

I sensi del mondo esterno

Il senso della vista è quello che usiamo più frequentemente quando dobbiamo orientarci. Vediamo se il sole splende e cerchiamo dove abbiamo lasciato la chiave della porta di casa. Notiamo le qualità di questo mondo che vediamo solo se lo contempliamo coscientemente, scoprendo la luce, il buio e i colori.

Amaro o salato, dolce o acido? Con il nostro senso del gusto la nostra lingua distingue tra queste quattro qualità. Ma il nostro senso del gusto è vario e complesso, anche perché i sapori si mescolano facilmente con altre qualità sensoriali, come gli odori e il nostro senso del tatto sulla lingua.

La nostra reazione ai profumi e ad altri odori è altamente individuale ed emotiva. Non c'è da stupirsi che il nostro senso dell'olfatto sia estremamente sensibile.

In un freddo giorno d'inverno, senza guanti, preferiamo tenere in mano una pala da neve con il manico di legno e non di metallo. La ragione è il nostro senso del calore che permea la nostra esperienza dei materiali e degli spazi che abitiamo.

"I dodici sensi furono suddivisi in tre gruppi: i sensi del mondo esterno, i sensi del corpo e i sensi sociali".

I sensi del corpo

Di solito non siamo nemmeno coscienti del nostro senso dell'equilibrio. Solo se qualcosa non va, se perdiamo l'equilibrio o abbiamo le vertigini, ci accorgiamo di quanto questo senso sia importante per noi stessi e per la nostra consapevolezza.

Accettiamo anche il senso del nostro movimento come una cosa ovvia. Con il suo supporto, muoviamo le nostre mani, braccia e gambe senza bisogno di guardarle: ad esempio, siamo in grado di unire le nostre mani dietro la schiena.

Se siamo stanchi o malati, avvertiamo il nostro senso della vita. Questo ci connette con il nostro corpo, permettendoci di sperimentare il ritmo di sentirci fisicamente riposati al mattino e stanchi la sera.

Esprimiamo simpatia e tenerezza attraverso questo senso e sperimentiamo come il contatto abbia un effetto: il nostro senso del tatto è sempre legato al movimento. Per esempio, in una stanza buia ci muoviamo con attenzione e se improvvisamente urtiamo qualcosa, percepiamo i confini del nostro corpo e quelli degli oggetti intorno a noi.

I sensi sociali

Il nostro senso dell'udito indica la vicinanza. Quando sentiamo la voce di una persona o di un animale, ci sentiamo connessi a loro. Possiamo guardare qualcuno da lontano ma quando lo ascoltiamo, siamo già molto vicini.

Possiamo avvicinarci ancora di più attraverso il nostro senso della parola, che è significativamente diverso dall'udito. Anche se non capiamo o non parliamo una lingua straniera, siamo comunque in grado di capire quando una persona sta parlando.

Per capire qualcuno, lo ascoltiamo e comprendiamo i suoi pensieri. Con l'aiuto del nostro senso del pensiero possiamo afferrare il significato di ciò che sentiamo, e pensare a cose che prima non erano nella nostra mente.

Dal momento in cui siamo nati, ci rivolgiamo alle altre persone, percependole come esseri umani simili a noi. Il nostro interesse per loro deriva dal nostro senso del sé.